Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Progetto reso possibile dalla partnership con Fondazione UMANA MENTE che ha sostenuto il biennio di start up con particolare attenzione alla formazione e stabilizzazione dello staff e all’accompagnamento educativo e psicologico delle ospiti.

Nel giugno 2007 Arimo ha inaugurato la Comunità educativa femminile “Casa Miriam”.

casa

Sede operativa

La Comunità educativa per ragazze Casa Miriam, inaugurata nella primavera del 2007, ha sede a Pavia ed è inserita in un  contesto urbano, con facilità di accesso a servizi sociali e formativi, occasionali culturali e professionali. La Comunità è stata  inizialmente avviata in una sede provvisoria concessa in comodato d'uso dalla Cooperativa Casa del Giovane a pochi passi dal  centro storico. Dall'inizio del 2010 Arimo ha poi intrapreso il progetto di acquisto e ristrutturazione di quella che oggi è la nuova sede, situata in Via Montemaino 50 nella Frazione di Mirabello, un quartiere residenziale di Pavia ben collegato al centro. La nuova sede è costituita da una villa disposta su due piani con cortile e orto e può ospitare fino a 10 ragazze.

 

Accoglienza

La Comunità accoglie ragazze dai 14 ai 18/21 anni, italiane e straniere, con la convivenza multiculturale e il rispetto delle  diversità. 

orto casa

Accoglie ragazze con provvedimenti civili o amministrativi di collocamento in comunità per allontanamento dalle famiglie d'origine, ragazze con situazioni di disagio o di rischio anche su invio diretto dei Servizi, ragazze straniere non accompagnate. Accoglie inoltre ragazze con misure penali (misura cautelare del collocamento in comunità e messa alla prova).

La Comunità offre anche servizi di pronto intervento per l'accoglienza di minori in urgenza e nella fase di osservazione fino all'individuazione del progetto educativo e della struttura idonea. Le ragazze inserite in pronto intervento possono anche successivamente proseguire il percorso ad Arimo. La Comunità educativa non è di tipo terapeutico o riabilitativo per minori con patologia psichiatrica o tossicodipendenza. Sono valutati, caso per caso, con progetti specifici e con l'ausilio dei Servizi territoriali competenti, gli inserimenti di ragazze con problematiche di disturbo psichico o di uso problematico di alcol o sostanza stupefacenti. messa alla prova, affidamento in prova al Servizio Sociale).

 

Équipe educativa

L' équipe educativa è costituita dal responsabile della Comunità e da sei educatori ed è supportata da un lavoro costante di supervisione clinica e pedagogica con un consulente psicoterapeuta. Presso la Comunità settimanalmente una consulente psicoterapeuta interna offre l’iniziale valutazione psicodiagnostica e il successivo sostegno psicologico individuale delle ragazze. Collaborano all'attività educativa giovani volontari in Servizio civile nazionale e alcuni volontari per il sostegno scolastico e il tempo libero. Si svolgono altresì tirocini e stage di studenti universitari di psicologia, scienze dell'educazione e scienze sociali.

La comunità si avvale anche della collaborazione di un consulente psichiatra.

La comunità offre inoltre la possibilità di usufruire da subito dei percorsi dello Spazio Neutro di Arimo e, ove necessario o richiesto dal servizio inviante, della consulenza familiare – pedagogica offerta dal pedagogista interno alla cooperativa

 

Offerta educativa e formativa

La Comunità promuove appena possibile l'integrazione delle ragazze con l'ambiente esterno ed è aperta a ciò che offre il territorio. La comunità lavora in sinergia con le associazioni attive sul territorio, come ad esempio l’Associazione Calypso e Antigone per il teatro sociale, CSV per le attività socialmente utili, Laboratorio Sociale in Scala, Gioco l’Arte e Sogni e Cavalli, per attività ludico ricreative anche con gli animali. Ogni ragazza, in accordo con gli educatori, coltiva individualmente interessi, attività e relazioni amicali nel tempo libero.

 

Percorso scolastico e formativo

Arimo fornisce la riattivazione di un rapporto con l'apprendimento come strumento fondamentale per costruire la propria identità, per offrire competenze e opportunità lavorative. Le ragazze frequentano istituti scolastici o corsi di formazione professionale offerti dal territorio. Nel pomeriggio, sono supportate con la scuola interna attraverso una didattica modulare che si avvale di insegnanti volontari per il sostegno scolastico. 

 

Stage estivi, orientamento e inserimento lavorativo

Le ospiti possono avvalersi del servizio di Orientamento scolastico e professionale interno di Arimo. La Comunità utilizza le notevoli risorse e offerte formative presenti sul territorio (scuole, istituti professionali, centri di formazione permanente, aziende, piccoli commercianti, servizi e botteghe artigiane della zona) per supportare i percorsi di orientamento e inserimento lavorativo delle ragazze. Mediante il servizio interno di inserimento lavorativo (cfr. Servizio di orientamento scolastico – professionale e accompagnamento al lavoro), attiva direttamente tirocini di orientamento e di formazione al lavoro e borse lavoro, accompagnati da tutor specializzati. Inoltre, ogni anno, nel periodo giugno – luglio, è proposto a ciascuna ospite un periodo di stage lavorativo presso un datore di lavoro, corrispondente alle aspirazioni e al percorso formativo intrapreso dalla giovane. 

 

Sostegno alle famiglie d'origine 

Le Comunità pone particolare attenzione al monitoraggio della relazione tra la ragazza e la famiglia d'origine. In base a quanto stabilito dal Tribunale per i Minorenni e / o alla regolamentazione dei Servizi Sociali di riferimento. È tutelato l'incontro con la famiglia (con disponibilità di spazio neutro e osservazione). È fondamentale, infatti, che il percorso di una minore sia accompagnato da un impegno al cambiamento anche da parte della famiglia d'origine. La Comunità, di concerto con i Servizi Sociali e sanitari competenti e con le altre risorse del territorio, sollecita, quando opportuno, interventi di sostegno alla genitorialità, terapia familiare, percorsi di mediazione dei conflitti e, se del caso, attiva tali interventi anche mediante consulenti privati interni (cfr. Servizio Famiglie).

 

Miriam

Casa Miriam è stata intitolata alla piccola Miriam, una meravigliosa bimba, figlia di una delle prime minori accolte: fin dall'apertura della Comunità femminile, Arimo si è confrontata con la specificità del lavoro educativo con le ragazze, coinvolgendosi in nuove sfide come l'esperienza dell'accoglienza di una minore – madre. L'avvio della Comunità è stato reso possibile dalla partnership con Fondazione UMANA MENTE che ha sostenuto il biennio di start up con particolare attenzione alla formazione e stabilizzazione dell'équipe e all'accompagnamento educativo e psicologico delle ospiti.

 

 

News

La nostra newsletter

Voglio iscrivermi alla newsletter di Arimo
Accetto Termini e condizioni d'uso

logo spiazza con nome e sfondo trasparente