Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

L’efficacia delle comunità di accoglienza

La ricerca è stata realizzata da CGM Lombardia nel 2016 sui giovani autori di reato nelle comunità educative. Alla ricerca parteciparono anche le 3 comunità di Arimo (allora non c’era La Traccia).

La ricerca riguardò 120 giovani ospiti d comunità. Parte da un dato che conferma il percepito sull’alta presenza di psicopatologie tra i giovani autori di reato (“il 60% dei minori che costituiscono il campione della presente ricerca mostra un livello di disagio al di sopra della soglia di attenzione clinica, un dato sovrapponibile a precedenti ricerche svolte sulla popolazione della giustizia minorile, sia in ambito italiano sia in realtà internazionali”); i risultati dell’indagine evidenziano aspetti interessanti:

  1. Il livello di rischio è predetto principalmente dalla capacità del ragazzo di impegnarsi o meno in un progetto individualizzato: non è tanto il livello di problemi psicologici, quindi, bensì l’offerta di un progetto evolutivo e la sua accettazione da parte del minore e la sua apertura e disponibilità al cambiamento (alleanza) a rappresentare lo spartiacque tra un maggiore o minore rischio di recidiva.
  2. Per quanto riguarda la percezione di benessere e di efficacia dell’intervento in comunità, la maggior parte dei minori percepisce il progetto comunitario come efficace, in sostanziale accordo con gli educatori di riferimento, e in evoluzione positiva, anche se gli educatori hanno una percezione di efficacia della comunità nel 90% dei casi, mentre i minori nel 70% dei casi
  3. L’orientamento pratico alla costruzione di un progetto personale, la percezione di supporto e la chiarezza delle regole sono gli elementi più correlati alla percezione di efficacia dei ragazzi.

pdfClicca sull'immagine per leggere la ricerca

 

Recentemente è stata fatta una verifica sul numero di autori di reato ospiti dei servizi residenziali di Arimo (4 comunità-Il Ponte-Chiavi di Casa).

Negli ultimi 6 anni (2015-2020) abbiamo accolto 297 giovani. Di questi 145 avevano misura penale minorile. I ragazzi del pensale rappresentano pertanto il 48,8% (ma se togliamo Casa Miriam, sono il 60,6%!)

La comunità che ha una percentuale di penali più alta è la Traccia (69,2%), seguita da Casa Camillo (64,4), Il Ponte (61,1), Terzo Spazio (41), Chiavi di Casa (30,4), Casa Miriam (3,3%).

News

La nostra newsletter

Voglio iscrivermi alla newsletter di Arimo
Accetto Termini e condizioni d'uso

logo spiazza con nome e sfondo trasparente